Indietro

Incjaroi

Paularo è la perla della Valle d'Incarojo e ha saputo preservare la sua identità, per questo la cultura, le tradizioni e i mestieri si sono conservati fino ai nostri giorni.

Il nome Paularo compare per la prima volta in un documento del 1295, ma gli insediamenti umani risalgono a un'epoca ben più remota, come dimostrano i numerosi reperti archeologici rinvenuti sul territorio, basti pensare alla necropoli di Misincinis. Zona di pascolo per le guarnigioni dislocate a Zuglio durante l'epoca romana, Paularo conobbe un notevole sviluppo economico dopo l'avvento della Repubblica di Venezia, di cui sono testimoni alcuni meravigliosi palazzi, quali Palazzo Calice – Valesio e Palazzo Calice – Screm. Altri edifici di pregio sono il Palazzo Linussi – Fabiani e Casa Tarussio. Motivo di orgoglio per il nostro territorio è la Mozartina, splendida raccolta di strumenti musicali antichi, dedicata principalmente agli stumenti a tastiera, frutto della passione e della dedizione del Maestro Canciani, apprezzato musicista compositore dell'inno alla Carnia. Altro esempio di creatività e arte è la mostra dei meravigliosi costumi scultura realizzata dall'A.S.C. Ravinis, espressione dell'industriosità tipica della nostra valle e aprifila nel più vasto progetto Ecomuseo "I Mistîrs". La festa omonima che si tiene l'ultima domenica di agosto rappresenta lo spirito di un popolo fortemente legato al suo territorio e alle sue tradizioni.

343163-800x600-300x225
 

Il Palio das Cjarogiules č organizzato da: